Su Above The Tree, Porrozine e altra roba italiana

Credo ormai sia chiaro che la domenica non è forse il giorno migliore per scrivere due righe, ma forse neanche il lunedì, o il martedì. Forse non c’è un giorno migliore ma un giorno in cui ho voglia, tempo e una forte dose di autostima (in realtà l’ultima caratteristica è quella che muove tutto il resto). Affrontato questo argomento utilizzato solo come incipit introduttivo, passiamo alle cose “serie”.

Magari è stato un caso o forse fa parte di un disegno divino ben più grande (io credo nel Dio del Rock n’ Roll che ci salverà tutti), in ogni caso succede che il 9 gennaio dedici di fare una puntata dedicata agli Slint e in particolare sul dico Spiderland  e due settimane dopo esce questa notizia: “La Touch and Go Records ha appena annunciato l’uscita ad aprile del box set di Spiderland degli Slint, che conterrà, in tre vinili e due cd, il capolavoro della band di Louisville in edizione rimasterizzata e ben 14 outtake e demo del periodo masterizzati da Bob Weston. Il cofanetto inoltre conterrà un booklet di 100 pagine con i testi e foto inedite dell’autore della cover Will Oldham, nonché un DVD con “Breadcrumb Trail”, un documentario di 90 minuti sulla realizzazione del disco e interventi di Steve Albini, James Murphy, Ian MacKaye, Jason Noble“.

Gongolamenti a parte, l’altra notizia è che presto uscirà il nuovo video dei Nimby dall’album Not In My Back Yard e fin qui è una notizia che può far piacere.
Il problema, però, sta nell’aver visto talmente tante volte Full Metal Jacket da finire poi a fare facce del genere durante le riprese (non so se ridere o piangere).

75629_643831545654240_190045658_n

 

Leggevo in questi giorni (finalmente) l’ultima Porrozine uscita un paio di mesi fa e mentre leggevo, riflettevo sulla bellezza di una fanzine scritta da chi quel mondo l’ha vissuto e continua a viverlo e a vederlo da dentro, dal backstage,  e ne sono rimasto colpito ed affascinato. Traspare il rock n’ roll, l’attitudine e l’energia delle cose vissute davvero e assorbite con 300 litri di birra per volta. È una cosa che dovrebbero leggere tutti, è una cosa che dovrebbe stare sopra il comodino di ognuna di quelle persone che vorrebbero suonare “musica cazzuta” (e magari lo fanno pure).

Un altro consiglio che mi sento di darvi e di andare a scovare un concerto degli Appaloosa e buttarvi tra le loro vibrazioni e poi comprare il disco (vinile o cd che sia) e poi metterlo sul vostro apparecchio di riproduzione musicale, spegnere qualunque cosa vi possa distrarre e alzare il volume e ancora e ancora.

Domani c’è l’intervista ad Above The Tree e molte cose belle da ascoltare.

Spero di trovarvi lì alle 22 su http://www.radioflo.it

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s